Turismo

I dati ISPAT riguardanti la situazione economica della Provincia indicano una condizione di stabilità del PIL negli ultimi anni legato alla spesa nel settore turistico attestandosi ad un 6% del totale. Come già affermato nelle premesse di infrastrutture ed economia dobbiamo lavorare per implementare le vie di comunicazione rendendo facile il raggiungimento il nostro territorio e dobbiamo limare la burocrazia che ingessa qualsiasi iniziativa di sviluppo impedendone un naturale sviluppo verso l’eccellenza.

Unione e razionalizzazione delle attuali 14 APT d’ambito in 4 macro APT.
1. APT Dolomiti orientali (inclusiva delle 4 esistenti Apt di Fieme, Fassa, San Martino Primiero, Valsugana-Lagorai);
2. APT Dolomiti occidentali (inclusiva delle 5 esistenti Apt Valle di Non, Valli di Sole Pejo e Rabbi, Altopiano della Paganella, Madonna di Campiglio-Pinzolo e Rendena, Comano Dolomiti di Brenta);
3. APT Lago di Garda (inclusiva dell’esistente Apt Alto Garda e Ledro);
4. APT dell’Adige (inclusiva delle 4 esistenti Apt Trento Monte Bondone Valle dei Laghi; dell’Apt Altopiano di Pinè e Valle di Cembra; dell’Apt di Rovereto; dell’Apt Altopiani di Folgaria Lavarone, Luserna.
Il governo delle 4 Apt territoriali è in capo ai rispettivi Cda (composti ognuno da un massimo di 5 membri, compreso il Presidente) animati da personalità di sicuro profilo professionale e di esperienza specifica nel settore turistico, espressione delle categorie imprenditoriali territoriali. I Cda delle 4 Apt territoriali all’atto del loro insediamento nomineranno un proprio Rappresentante (il Presidente) che andrà a far parte del Cda di Trentino Marketing.
All’interno delle APT saranno suddivisi 4 ambiti/prodotto esecutivi (Turismo Sportivo, Lacustre, Culturale e Termale) e i responsabili di tali ambiti dovranno confrontarsi semestralmente in maniera trasversale tra le APT per condividere il know how acquisito e sottoporre annualmente a Trentino Marketing la loro prospettiva di azione e relativi risultati. Trentino Marketing dovrà appoggiare e condividere le direzioni prese dagli incontri semestrali dei responsabili di ambito/prodotto ed eventualmente correggere il proprio piano marketing quadriennale.
Trentino Marketing redigerà un piano di marketing quadriennale mentre le APT dovranno realizzare un piano biennale che sarà reso pubblico in una conferenza sul turismo del Trentino realizzata da Trentino Marketing. In concomitanza con tale conferenza verranno resi pubblici i risultati del biennio passato e l’analisi dei risultati raggiunti rispetto al piano marketing presentato in precedenza.

Il gettito dell’imposta di soggiorno sarà destinato alle 4 Apt delle macro aree nella misura del’80 per cento del totale.
La ripartizione fra le 4 Apt si attuerà con criterio aritmetico, a prescindere dalla consistenza del gettito contributivo generato nei territori delle singole Apt. La rimanente quota del 20 per cento sarà destinata a Trentino Marketing.

CONTRIBUTI
In considerazione del risultato, non certamente eccellente, dei patti territoriali sviluppati negli anni precedenti (vedi il Monte Bondone) nelle prossime azioni i contributi non dovranno essere SOLO per la realizzazione della struttura ricettiva ma dovranno essere divisi anche con la società di gestione che provvederà poi a far funzionare la struttura ricettiva. Questo cambio di prospettiva ci permetterà di ridurre notevolmente le “cattedrali 
nel deserto” che si sono sviluppate con il sistema precedente di contributo essendo stati, fino ad oggi, vincolati alla mera realizzazione della struttura. 

Stampa Stampa | Mappa del sito
Idee autonomiste per il Trentino - tutti i diritti riservati - info@autonomistitrentini.it

E-mail